Questo sito web utilizza i cookies tecnici. I cookies non possono identificare l'utente. Se si proseguirà nell'utilizzo del sito si assumerà il consenso all'utilizzo.
Se si desidera utilizzare i siti senza cookie o volete saperne di più, si può leggere qui

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 
Condividi

Nel Codice penale belga sono stati inseriti tre nuovi articoli contro l’utilizzo di trattamenti disumani
    
    
Il Parlamento del Belgio con la legge 14 giugno 2002 (Moniteur belge, 14 agosto 2002) ha adattato il Codice penale alle disposizioni normative della Convenzione di New York 10 dicembre 1984 contro la tortura e le altre pene o trattamenti crudeli, inumani o degradanti.
Nel codice sono stati introdotti tre nuovi articoli.
Il primo di essi (art. 417-bis) definisce la tortura come “qualunque deliberato trattamento inumano che provoca un dolore acuto o sofferenze, fisiche o mentali, molto gravi e crudeli”. I trattamenti inumani, a loro volta, sono definiti come “qualunque trattamento mediante il quale sono intenzionalmente inflitte a una persona gravi sofferenze mentali o fisiche, in specie per ottenere da lei informazioni o confessioni, per punirla, per fare pressione su di lei o intimidire questa persona o terze persone”. Infine, il trattamento degradante è definito come “qualunque trattamento che provoca in chi lo subisce una grave umiliazione o un grave avvilimento dinanzi a se stesso o agli altri”.
L’incriminazione della tortura funziona da circostanza aggravante nei reati di sequestro di ostaggi, attentato al pudore e violenza sessuale.
La legge riguarda direttamente gli agenti delle forze dell’ordine, posto che configura un’aggravante quando un fatto di tortura o di trattamento inumano è commesso da un pubblico ufficiale o da un funzionario pubblico o da un agente della forza pubblica che agisca nell’esercizio delle sue funzioni.
L’ordine del superiore o di un’autorità non può giustificare la violazione del divieto di tortura o di trattamento inumano.

È stata resa pubblica dal CPT in data 2 luglio 2003 la risposta del Governo del Belgio ai rilievi effettuati dal CPT medesimo in occasione della visita effettuata dal 25 novembre al 7 dicembre 2001 presso istituti di detenzione pubblici, stabilimenti delle forze dell’ordine, carceri e presso un centro ospedaliero privato. Il rapporto del CPT era stato pubblicato il 17 ottobre 2002.
    

Joomla templates by a4joomla