Questo sito web utilizza i cookies tecnici. I cookies non possono identificare l'utente. Se si proseguirà nell'utilizzo del sito si assumerà il consenso all'utilizzo.
Se si desidera utilizzare i siti senza cookie o volete saperne di più, si può leggere qui

Stampa

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

OPG29 luglio 2014 - Il 31 maggio 2015 gli ultimi sei ospedali giudiziari psichiatrici (Opg) italiani saranno definitivamente chiusi. Zammù Multimedia, il centro di produzione audiovisivo e giornalistico dell’università di Catania, ha scelto di realizzare un servizio speciale,dal titolo "Ospedali Psichiatrici Giudiziari, fine corsa. Come è stato possibile?" collegato alla presentazione del documentario "Aria" del professore Franco Migliorino, ordinario di Storia del diritto medievale e moderno nel dipartimento di Giurisprudenza dell’Ateneo, realizzato nel 2006 e adesso riproposto.
Il documentario è accompagnato da un’intervista al prof. Migliorino realizzata dal giornalista Salvo Catalano e da una recensione del prof. Alessandro De Filippo, ricercatore di Storia e critica del cinema e di Cinema fotografia e televisione. In "Aria" vengono mostrate le fotografie ritrovate dentro uno scatolone abbandonato nell’archivio dell’Ospedale psichiatrico giudiziario di Barcellona Pozzo di Gotto.
Le immagini - stanze vuote di ogni forma di vita - sono accompagnate dalla lettura di alcune lettere scritte dagli internati e da alcuni psichiatri del tempo. Radio Zammù ha inoltre realizzato un’intervista a uno dei principali collaboratori del noto psichiatra Franco Basaglia: il prof. Peppe Dell’Acqua, direttore del Dipartimento di salute mentale di Trieste, personalità di rilievo nazionale in questa materia.
Dell’Acqua cita i manicomi criminali di imminente chiusura (Barcellona Pozzo di Gotto, Castiglione delle Stiviere, Montelupo Fiorentino, Aversa, Secondigliano, Reggio Emilia) e pone il problema delle nuove Residenze per l’esecuzione delle misure di sicurezza (Rems) che li sostituiranno, auspicando che venga definitivamente abbandonata la visione che ne fa "luoghi di totale assenza di soggettività", "luoghi di negazione". (Ansa)