Questo sito web utilizza i cookies tecnici. I cookies non possono identificare l'utente. Se si proseguirà nell'utilizzo del sito si assumerà il consenso all'utilizzo.
Se si desidera utilizzare i siti senza cookie o volete saperne di più, si può leggere qui

Stampa

Valutazione attuale: 2 / 5

Stella attivaStella attivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

27 novembre 2015 - Si svolge il 30 novembre 2105 alle 15.30 presso la Casa di Reclusione di Civitavecchia il convegno aperto non solo a tutta la popolazione detenuta ma anche alle Autorità Locali ,  alla presenza dell’On.le Marietta Tidei,  alle Associazioni del Privato Sociale, Onlus, Scuole, Centri Antiviolenza e ad altre realtà presenti nel Territorio, dicendo di “Non stare in silenzio” rispetto al tema della violenza contro le donne
Il Direttore, Dr.ssa Patrizia Bravetti, coinvolgendo in maniera sinergica gli ospiti della Casa di Reclusione di Civitavecchia e la comunità esterna, ha voluto commemorare la giornata internazionale contro la violenza sulle donne, attraverso un’iniziativa, che stimolasse la condivisione e la riflessione collettiva sul tragico fenomeno della violenza che si consuma ormai quotidianamente sulle donne.
Il tema ha ispirato un lavoro di creazione collegiale fra tutti i detenuti partecipanti alle diverse e molteplici attività trattamentali di questo Istituto, con i quali si è dato vita ad un profondo lavoro di sensibilizzazione sul tema della violenza fisica, psicologica, sessuale ed economica degli uomini verso le donne. Il progetto ha coinvolto in maniera trasversale tutta la popolazione detenuta e gli operatori presenti in questa Casa di Reclusione, che in ogni proposta trattamentale (scuola, teatro, gruppi di sostegno psicologico, attività della sala pittura, sala hobby e sala musica) hanno voluto dedicare uno spazio di pensiero su questo argomento.
Questo incontro fa emergere i risultati del progetto contro la violenza sulle donne realizzato in questo Istituto durante tutto il 2015, al fine di accrescere la consapevolezza rispetto a questo grave problema. L’intento del dibattito è  tato quello di mettere le basi per la costituzione di una rete intra ed extra muraria, che possa realizzare in futuro azioni di contrasto a questo drammatico fenomeno. 

La  brochure del convegno e l'invito