Questo sito web utilizza i cookies tecnici. I cookies non possono identificare l'utente. Se si proseguirà nell'utilizzo del sito si assumerà il consenso all'utilizzo.
Se si desidera utilizzare i siti senza cookie o volete saperne di più, si può leggere qui

Condividi

Pubblichiamo qui di seguito alcuni passaggi delle leggi relative al sistema di videoconferenza.


Della Legge n. 11 del 7 gennaio 1998, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 30 del 6 febbraio successivo, ricordiamo in particolare che l’Art. 1 prevede che “dopo l’articolo 45 delle norme di attuazione, di coordinamento e transitorie del codice di procedura penale, approvate con decreto legislativo 28 luglio 1989, n. 271”, venga inserito il seguente:

“Art. 45-bis. – (Partecipazione al procedimento in camera di consiglio a distanza). — 1. Nei casi previsti dall’articolo 146-bis, comma 1, la partecipazione dell’imputato o del condannato all’udienza nel procedimento in camera di consiglio avviene a distanza. 2. La partecipazione a distanza è disposta dal giudice con ordinanza o dal presidente del collegio con decreto motivato, che sono comunicati o notificati unitamente all’avviso di cui all’articolo 127, comma 1, del codice. 3. Si applicano, in quanto compatibili, le disposizioni previste dall’articolo 146-bis, commi 2, 3, 4 e 6”.

Con l’Art. 2 si stabilisce che nello stesso decreto legislativo n. 271, dopo l’articolo 146, venga inserito il seguente:

“Art. 146-bis. – (Partecipazione al dibattimento a distanza).
1. Quando si procede per taluno dei delitti indicati nell’articolo 51, comma 3-bis, del codice, nei confronti di persona che si trova, a qualsiasi titolo, in stato di detenzione in carcere, la partecipazione al dibattimento avviene a distanza nei seguenti casi: a) qualora sussistano gravi ragioni di sicurezza o di ordine pubblico; b) qualora il dibattimento sia di particolare complessità e la partecipazione a distanza risulti necessaria ad evitare ritardi nel suo svolgimento. L’esigenza di evitare ritardi nello svolgimento del dibattimento è valutata anche in relazione al fatto che nei confronti dello stesso imputato siano contemporaneamente in corso distinti processi presso diverse sedi giudiziarie; c) qualora si tratti di detenuto nei cui confronti è stata disposta l’applicazione delle misure di cui all’articolo 41-bis della legge 26 luglio 1975, n. 354, e successive modificazioni ed integrazioni.

2. La partecipazione al dibattimento a distanza è disposta, anche d’ufficio, dal presidente del tribunale o della corte di assise con decreto motivato (...).

3. Quando è disposta la partecipazione a distanza, è attivato un collegamento audiovisivo tra l’aula di udienza e il luogo della custodia, con modalità tali da assicurare la contestuale, effettiva e reciproca visibilità delle persone presenti in entrambi i luoghi e la possibilità di udire quanto vi viene detto. Se il provvedimento è adottato nei confronti di più imputati che si trovano, a qualsiasi titolo, in stato di detenzione in luoghi diversi, ciascuno è posto altresì in grado, con il medesimo mezzo, di vedere ed udire gli altri.

4. È sempre consentito al difensore o a un suo sostituto di essere presente nel luogo dove si trova l’imputato. Il difensore o il suo sostituto presenti nell’aula di udienza e l’imputato possono consultarsi riservatamente, per mezzo di strumenti tecnici idonei.

5. Il luogo dove l’imputato si collega in audiovisione è equiparato all’aula di udienza.(...).”
L’Art. 3, mediante alcune modificazioni dell’articolo 147-bis delle norme di attuazione del citato decreto legislativo, stabilisce tra l’altro che “L’esame in dibattimento delle persone ammesse, in base alla legge, a programmi o misure di protezione anche di tipo urgente o provvisorio si svolge con le cautele necessarie alla tutela della persona sottoposta all’esame, determinate, d’ufficio ovvero su richiesta di parte o dell’autorità che ha disposto il programma o le misure di protezione, dal giudice o, nei casi di urgenza, dal presidente del tribunale o della corte di assise.

2. Ove siano disponibili strumenti tecnici idonei, il giudice o il presidente, sentite le parti, può disporre, anche d’ufficio, che l’esame si svolga a distanza, mediante collegamento audiovisivo che assicuri la contestuale visibilità delle persone presenti nel luogo dove la persona sottoposta ad esame si trova. (...)

3. Salvo che il giudice ritenga assolutamente necessaria la presenza della persona da esaminare, l’esame si svolge a distanza secondo le modalità previste dal comma 2 nei seguenti casi:
a) quando le persone ammesse, in base alla legge, a programmi o misure di protezione sono esaminate nell’ambito di un processo per taluno dei delitti indicati dall’articolo 51, comma 3-bis, del codice;
b) quando nei confronti della persona sottoposta ad esame è stato emesso il decreto di cambiamento delle generalità di cui all’articolo 3 del decreto legislativo 29 marzo 1993, n. 119; in tale caso, nel procedere all’esame, il giudice o il presidente si uniforma a quanto previsto dall’articolo 6, comma 6, del medesimo decreto legislativo e dispone le cautele idonee ad evitare che il volto della persona sia visibile;
c) quando, nell’ambito di un processo per taluno dei delitti previsti dall’articolo 51, comma 3-bis, del codice, devono essere esaminate le persone indicate nell’articolo 210 del codice nei cui confronti si procede per uno dei delitti di cui al medesimo articolo 51, comma 3-bis, anche se vi è stata separazione dei procedimenti”. (...).

Per quanto concerne la Legge 19 gennaio 2001, n. 4 (“Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 24 novembre 2000, n. 341, recante disposizioni urgenti per l’efficacia e l’efficienza dell’Amministrazione della giustizia”) pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 16 del 20 gennaio 2001, ci sembra opportuno ricordare integralmente il Capo VI (Proroga e modifica delle disposizioni in materia di applicazione dell’articolo 41-bis dell’ordinamento penitenziario e di videoconferenze):

Art. 12 - 1. Nell’articolo 6 della legge 7 gennaio 1998, n. 11, comma 1, le parole: “31 dicembre 2000” sono sostituite dalle seguenti: “31 dicembre 2002”.

Art. 13 - 1. Nel comma 1 dell’articolo 45-bis delle norme di attuazione, di coordinamento e transitorie del codice di procedura penale, approvate con decreto legislativo 28 luglio 1989, n. 271, le parole: “Nei casi previsti dall’articolo 146-bis, comma 1” sono sostituite dalle seguenti: “Nei casi previsti dall’articolo 146-bis, commi 1 e 1-bis”.

Art. 14 - 1. Dopo l’articolo 134 delle norme di attuazione, di coordinamento e transitorie del codice di procedura penale, approvate con decreto legislativo 28 luglio 1989, n. 271, è inserito il seguente:

”Art. 134-bis (Partecipazione a distanza nel giudizio abbreviato). - 1. Nei casi previsti dall’articolo 146-bis, commi 1 e 1-bis, la partecipazione dell’imputato avviene a distanza anche quando il giudizio abbreviato si svolge in pubblica udienza”.

Art. 15 - 1. L’articolo 146-bis delle norme di attuazione, di coordinamento e transitorie del codice di procedura penale, approvate con decreto legislativo 28 luglio 1989, n. 271, è così modificato: a) nel comma 1 è soppressa la lettera c); b) dopo il comma 1 è inserito il seguente: “1-bis. Fuori dei casi previsti dal comma 1, la partecipazione al dibattimento avviene a distanza anche quando si procede nei confronti di detenuto al quale sono state applicate le misure di cui all’articolo 41-bis, comma 2, della legge 26 luglio 1975, n. 354, e successive modificazioni.”(…).

Joomla templates by a4joomla