Questo sito web utilizza i cookies tecnici. I cookies non possono identificare l'utente. Se si proseguirà nell'utilizzo del sito si assumerà il consenso all'utilizzo.
Se si desidera utilizzare i siti senza cookie o volete saperne di più, si può leggere qui

Condividi

Incontro con il Comandante di reparto Luigi Mosca e il Vicecomandante Gennaro Lucariello
L'ispettore superiore Luigi Mosca, 43 anni, da tre comandante di reparto dell'O.P.G di Aversa, ci parla dei suoi compiti: "Noi oltre ad eseguire

un'attività di sicurezza custodiale primaria, abbiamo un altro compito non meno importante, contribuire all'attività trattamentale e riabilitativa. Alcuni mesi fa è stato organizzato un convegno sul tema: la Polizia Penitenziaria nell'O.P.G. È emerso che la Polizia Penitenziaria, poiché si rivolge a un'utenza particolare, deve avere una preparazione adeguata per la gestione di queste persone. Io coordino attualmente 115 persone, impegnate con turni di otto ore. Il personale da me diretto ha delle esigenze particolari, con ben 27-28 unità che usufruiscono della legge 104. Questo non vuol dire che siano agenti che non lavorano, ma sono persone che godono, tra l'altro, di tre permessi mensili e di altre prerogative, un personale di cui un terzo è ultracinquantenne, per i quali è necessario trovare ruoli di servizio adeguati. L'O.P.G. di Aversa soffre anche di altri problemi, come quello della carenza di pulizia dei reparti. Ciononostante non dimentichiamo mai che lo Stato ci ha affidato un mandato speciale, e nonostante tante difficoltà, lavoriamo serenamente. Il personale di Polizia Penitenziaria da me diretto risponde generosamente a tutte le esigenze, partecipando attivamente a tutte le iniziative tese a far conoscere all'esterno i nostri problemi. E devo dire che la città di Aversa sta rispondendo a tutti i nostri input e questo per noi è molto gratificante".
Anche il vicecomadante, l'ispettore capo Gennaro Lucariello, 50 anni, e da 18 in servizio ad Aversa, conferma: "L'emergenza principale è il personale. Se la pianta organica porta 130 unità, in effetti non arriviamo a 115. Nonostante le difficoltà, cerco di dare il massimo, assieme a tutti i miei collaboratori. Io coordino anche la MOF (Manutenzione Ordinaria Fabbricati), officine, conduttore di caldaie, falegname, fabbro. La struttura dell'istituto è vecchia, e ha bisogno di continui rifacimenti, ma le risorse economiche non sono sufficienti. In questi ultimi anni i rapporti di collaborazione con la cittadinanza sono migliorati e anche con il vescovo della città, l'eccellenza Mario Milano, c'è grande collaborazione. Questo ci aiuta a superare le difficoltà che si incontrano nel nostro delicato compito".

Joomla templates by a4joomla